giovedì 27 febbraio 2014

Cupcakes con farina di castagne

INGREDIENTI: 110 gr di farina 00; 120 gr di farina di castagne; 120 gr di zucchero; 2 uova; 1 cucchiaio di cacao amaro; 40 gr di olio di semi; 120 gr di yogurt; 1 cucchiaino di miele; cannella. CREMA: 1 uovo; 1 cucchiaio di zucchero; 2 cucchiai di farina di castagne; 1 cucchiaio di farina 00; 2 bicchieri di latte; 50 gr di cioccolato fondente; Rhum.
Per preparare i nostri cupcakes sbattiamo le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto abbastanza spumoso, uniamo l'olio, lo yogurt, il miele, la cannella, il cacao amaro, le 2 farina e un pizzico di sale; ne risulterà un impasto piuttosto appiccicoso. Prendiamo i pirottini di carta e riempiamoli per 3/4, disponiamoli in una teglia per muffins o se non l'avete, mettete i pirottini negli stampini di alluminio, infiliamo in forno preriscaldato a 180° per 25 minuti circa. Nel frattempo prepariamo la copertura sbattendo l'uovo con lo zucchero in un pentolino,uniamo le farine, il latte a filo e il cioccolato spezzettato, portiamo sul fuoco basso e lasciamo cuocere mescolando continuamente, togliamo dal fornello e uniamo il liquore, lasciamo intiepidire la crema così come i cupcakes una volta cotti (noterete che si formeranno delle crepe in superficie). Riempiamo una siringa per dolci con la crema e cominciamo a decorare i nostri cupcakes, una manciata di riso nocciolato e i nostri dolcetti son pronti per essere gustati, preferibilmente caldi! Con queste dosi ho ottenuto 15 cupcakes di piccole dimensioni come potete vedere dalla foto.

Grazie per aver letto la mia ricetta, vi aspetto nella mia pagina Facebook PANNA, amore e fantasia:)

-Con questa ricetta partecipo al contest "Dedica un dolce al progetto MDPed" di E' pronto
QUESTO DOLCE E' DEDICATO AL PROGETTO MDPedManovre di Disostruzione Pediatrica 

Ogni anno in Italia ci sono 50 famiglie distrutte da una tragedia senza confini: mediamente 1 bambino alla settimana - 50 bambini all’anno - perdono la vita per soffocamento da corpo estraneo, perché chi li assiste nei primi drammatici momenti NON è formato a queste manovre e genera disastrose conseguenze.
Bocconi “andati di traverso”, l’agire presi dal panico magari cercando di togliere il corpo estraneo con le dita potrebbe peggiorare la situazione. Sapere cosa fare, invece,  fa la differenza!

Per questa ragione vi chiedo di condividere questo messaggio e di informarvi se nella vostra zona è in programma un CORSI PER ESECUTORIMDPed.
Istruttori qualificati MDPed di C.R.I. ti insegneranno con precisione cosa fare, per eseguire in totale sicurezza tutte le manovre di disostruzione. Durante i corsi MDPed verranno fornite preziose nozioni anche sulla RCP pediatrica (Rianimazione Cardio Polmonare) e, nei corsi dedicati PBLS-D, sarai abilitato all'uso del DAE (defibrillatore semiautomatico esterno) anche per personale NON SANITARIO quali mamme, insegnanti asili nido, maestre scuole elementari, bagnini, allenatori sportivi etc…

Contatti per Varese e provincia:  mdped@provincialecrivarese.it       www.mdped‐varese.it 
Contatti per le altre regioni sul sito della Croce Rossa Italiana

domenica 23 febbraio 2014

Castagnole alla crema

INGREDIENTI: 250 gr di farina; 70 gr di zucchero; 50 gr di burro; 1 uovo; 1 limone; vanillina; 1/2 bustina di lievito. CREMA: 1 uovo; 1 cucchiaio di zucchero; 1 cucchiaio di farina; 2 bicchieri di latte; limoncello.
Lasciamo ammorbidire il burro a temperatura ambiente, dopodiché lavoriamolo con lo zucchero fino ad ottenere una crema, uniamo l'uovo, la buccia grattugiata del limone, la vanillina, un pizzico di sale ed infine la farina e il lievito setacciati, impastiamo tutti gli ingredienti e formiamo una palla soda ed omogenea, preleviamo dal composto dei pezzetti che arrotoleremo tra le mani per dargli la forma di una pallina. Nel frattempo avremo messo a riscaldare abbondate olio in una padella dai bordi alti, ricordando che le castagnole devono poter galleggiare durante la cottura; immergiamo le nostre palline e giriamole in continuazione, una volta divenute dorate, scoliamole su della carta assorbente. Per preparare la crema sbattiamo l'uovo con lo zucchero, uniamo la farina e il latte a filo, portiamo sul fuoco basso e lasciamo cuocere, spenti i fornelli aggiungiamo il liquore. Una volta divenuta fredda, mettiamo la crema in una siringa per dolci per poter farcire le nostre castagnole e spolverizziamo con abbondante zucchero al velo!

Grazie per aver letto la mia ricetta, vi aspetto nella mia pagina Facebook PANNA, amore e fantasia:)

venerdì 14 febbraio 2014

Mattonella di pavesini e panna montata

INGREDIENTI: 5/6 confezioni di pavesini monoporzioni; panna montata; vanillina; cacao amaro; noccioline tritate; scaglie di cioccolato.
Avevo una confezione di panna montata in frigo che avevo aperto 2 giorni prima, doveva essere impiegata per non andare a male, ecco dunque sorgere la necessità di inventarsi qualche creazione dolciaria in cui poterla utilizzare. Monto la panna con la vanillina, predispongo uno stampo da plum cake foderandolo con un foglio di alluminio e comincio a comporre la mia mattonella disponendo una fila di pavesini allineandoli uno affianco all'altro, munita di una siringa per dolci copro lo strato di pavesini creando strisce di panna montata, una spolverata di cacao amaro una manciata di noccioline tritate, una di gocce di cioccolato e continuo in quest'ordine fino ad esaurimento degli ingredienti ultimando con i pavesini, richiudo con l'alluminio e infilo in frigo tutta la giornata, la sera una volta rincasata tiro fuori dal frigo libero il dolce dell'alluminio e lo capovolgo su un vassoio... qualche ciuffo di panna montata, una spolverata di cacao a mo' di guarnizione e il nostro dessert è pronto per essere servito!
PS: non è necessario bagnare i pavesini con del liquore, sostando in frigo risulteranno abbastanza inumiditi.

Grazie per aver letto la mia ricetta, vi aspetto nella mia pagina Facebook PANNA, amore e fantasia:)

-Con questa ricetta partecipo al contest "Cibo crudo" di Dolce senza Zucchero

mercoledì 12 febbraio 2014

Mini Charlotte di pavesini

INGREDIENTI: 1 confezione monoporzione di pavesini; panna montata; cacao amaro; noccioline tritate; gocce di cioccolato.
Avete presente quei dessert monoporzione da frigo che si vendono nei comuni market da servire a conclusione di un pranzo tra amici/colleghi?! Bene, convinciamoci di poter preparare un qualcosa di simile a casa con pochi e comuni ingredienti che chiunque trova nella propria dispensa. Montiamo la panna, prendiamo un piattino da dessert, con l'aiuto di una siringa per dolci creiamo una torre di panna montata, alternando con una manciata di noccioline tritate, una di gocce di cioccolato e una spolverata di cacao amaro, contorniamo infine con dei pavesini che fisseremo con un nastro rosso; una manciata di scaglia di cioccolato e voilà...in pochi minuti un'alternativa ai classici dessert! :)

Grazie per aver letto la mia ricetta, vi aspetto nella mia pagina Facebook PANNA, amore e fantasia:)

-Con questa ricetta partecipo al contest " Cibo crudo" di Dolce senza Zucchero

martedì 11 febbraio 2014

Cuori di San valentino

INGREDIENTI: pandoro; panna montata; scaglie di cioccolato; cuoricini zuccherati rossi.
Tagliamo una fetta di pandoro di 2 cm di spessore, ritagliamo i nostri cuori muniti di uno stampino a forma di cuore, tagliamo ancora il mini cuore di pandoro trasversalmente al fine di ottenere 2 dischi da 1 cm, con una siringa per dolci stendiamo la panna su un disco e copriamo con l'altro cuore, ricopriamo interamente con la panna montata, decoriamo con sceglia di cioccolato i lati dei cuori e alcuni cuoricini zuccherati di colore rosso sulla superficie, niente di più semplice, fermo restando che questa preparazione richiede non poco tempo almeno per quel che concerne la decorazione se vogliamo ottenere dei dolcetti perfetti prestiamo attenzione quando stendiamo la panna montata, facciamo in modo che sia uniforme sia sui bordi che in superficie. Un dessert che generalmente può essere preparato impiegando un qualsiasi tipo di pan di spagna, magari al cacao; nel mio caso ho pensato di riutilizzare il pandoro, visto che sarebbe stato destinato alla pattumiera.

Grazie per aver letto la mia ricetta, vi aspetto nella mia pagina Facebook PANNA, amore e fantasia:)

-Con questa ricetta partecipo al contest "Il menù di San Valentino" di Le Ricette Di Patty & Linda

domenica 9 febbraio 2014

Torta a farfalla

INGREDIENTI: pan di spagna/panettone natalizio. CREMA: 1 uovo; 2 cucchiai di zucchero; 2 cucchiai di farina; 1 limone; 3 bicchieri di latte. BAGNA: 1 limone; 3 cucchiai di acqua; 3 cucchiai di zucchero; 1/2 bicchierino di limoncello. DECORAZIONI (facoltative); 200 ml di panna montata; scaglie di cioccolato; noccioline tritate; amaretti; foglioline verdi in ostia.
Cominciamo col preparare la farcia che dovrà raffreddare: in un pentolino sbattiamo energicamente l'uovo con lo zucchero, uniamo la farina, la scorza grattugiata del limone ed infine il latte, trasferiamo sul fuoco e mescoliamo fino al raggiungimento dell'ebollizione; lasciamo raffreddare. Nel mentre tagliamo trasversalmente il nostro panettone natalizio per ottenere due dischi, tagliamoli a metà e giriamoli verso l'esterno (ho dimenticato di immortalare questo passaggio con alcune foto per rendere bene l'dea :( spero sia di facile intuizione!), a questo punto tagliamo 2 strisce per creare il corpo della nostra farfalla. Nel frattempo avremo preparato lo sciroppo, sciogliendo lo zucchero con l'acqua sul fuoco basso, cui avremo unito anche il succo di un limone ed infine a fuoco spento il limoncello; una volta intiepidita, bagnamo il panettone e cominciamo a stendere la crema oramai fredda, copriamo con l'altro disco tagliato a metà e la strisciolina verticale al centro, inumidiamo con la bagna e infiliamo in frigo tutta la notte. Il giorno seguente montiamo la panna e ricopriamo interamente il dolce, con una sac à poche creiamo dei ciuffetti sui bordi della ali della farfalla, una manciata di scaglie di cioccolato, degli amaretti, una manciata di noccioline tritate e la nostra torta a forma di farfalla è pronta per essere rimessa in frigo a far rapprendere!

Grazie per aver letto la mia ricetta, vi aspetto nella mia pagina Facebook PANNA, amore e fantasia:)

domenica 2 febbraio 2014

Torta agli Amaretti

La torta agli amaretti con quel leggero retrogusto amarognolo è un dolce apprezzato da molti, estimatori e non di questi biscottini, nonostante non sia un dolce molto comune. Fermo restando che gli amaretti sono ottimi gustati da soli, meglio se accompagnati ad un buon liquore, si prestano bene anche a mille varianti, ad essere cioè impiegati nella preparazione di piatti dolci e salati; è ideale, come nel mio caso, per il pranzo della domenica o per qualsiasi altra occasione.
INGREDIENTI: 250 gr di farina; 100 gr di burro; 150 gr di zucchero; 3 uova; 1 cucchiaio di cacao amaro; 1/2 bustina di lievito per dolci; 2 cucchiai di liquore; 20 amaretti sbriciolati; cannella.
CREMA: 3 uova, 3 cucchiai di zucchero; 4 cucchiai di farina; 10 amaretti sbriciolati; 2 bicchieri d'acqua; 1 bicchierino di Rhum; 1 cucchiaio di cacao amaro.
Cominciamo col preparare la crema mescolando in una ciotola le uova con lo zucchero, uniamo la farina, il cacao, gli amaretti sbriciolati, l'acqua e il liquore, amalgamiamo il tutto con una frusta e trasferiamo sul fuoco mescolando continuamente, spegnamo non appena accenna a bollire, lasciamo raffreddare mentre ci dedichiamo alla preparazione della torta. In una terrina lavoriamo il burro ammorbidito a temperatura ambiente con lo zucchero per una decina di minuti, uniamo i tuorli, la farina e il cacao setacciati, gli amaretti sbriciolati, il liquore (io ho scelto il Vin santo!), gli albumi montati a neve, la cannella, ed infine il lievito setacciato, amalgamiamo per bene e trasferiamo il composto in una teglia foderata di carta da forno per 2/3, uniamo 3 cucchiaiate di crema oramai fredda e completiamo con la restante parte dell'impasto, infiliamo in forno a 200° per circa di 40 minuti avendo cura di controllare costantemente la cottura; lasciamo raffreddare tutta la notte. Il giorno seguente rivestiamo interamente il dolce con la crema agli amaretti, decoriamo con dei ciuffetti di crema, degli amaretti sulla superficie e una manciata di noccioline tritate. Peccato che attraverso il pc non possiate sentire il profumo di amaretti, che ha invaso la mia cucina...uno spettacolo unico! :)

Grazie per aver letto la mia ricetta, vi aspetto nella mia pagina Facebook PANNA, amore e fantasia:)

-Con questo post partecipo al contest di Crema e Panna

-Con questa ricetta partecipo al contest "Happy birthday Dolcizie" di Dolcizie

sabato 1 febbraio 2014

Pizza mele, cannella e Nutella

Ci sono delle varianti alla tradizionale pizza che prevede quali ingredienti fondamentali il pomodoro e la mozzarella, fra le tanti vi è quella dolce arricchita con la nutella...una vera bontà se ad accompagnarla c'è anche una spezia dall'aroma molto acceso come la cannella!
INGREDIENTI: 500 gr di farina; 1/2 bustina di lievito di birra; acqua; 2 mele; 1 banana; nutella; zucchero di canna.
Prepariamo l'impasto per la pizza disponendo la farina a fontana e un pizzico di sale, uniamo il lievito granulato oppure se non lo avete sciogliete il classico panetto di lievito in acqua fredda e unitelo alla farina; cominciamo ad impastare con l'aiuto di un po' d'acqua che verseremo sull'impasto di tanto in tanto; divenuto elastico lasciamolo lievitare in luogo caldo. Stendiamo la pasta per pizza in una teglia imburrata, nel frattempo avremo lavato, sbucciato e tagliato a fettine sottili le nostre mele, facciamo lo stesso anche con la banana, disponiamole a raggiera sulla pasta, spolveriamo con la cannella, una manciata di zucchero di canna e inforniamo a 220° per circa un quarto d'ora. A cottura ultimata tiriamo fuori dal forno, e quando è ancora calda distribuiamo la nutella, avendo cura di coprire la frutta in maniera omogenea. Un piacere irresistibile a conclusione di una cena, quando la casa viene invasa da ospiti inaspettati e non si vuole riproporre i classici dessert che abbiamo in frigo che stancano solo al pensiero! Buon appetito! :)
PS: ci  tengo a precisare che questa pizza è una esclusiva di mia mamma, è lei l'artefice...e direi che oltre che con i primi e i salati in genere se la cava benone anche con i dolci! ;)

Grazie per aver letto la mia ricetta, vi aspetto nella mia pagina Facebook PANNA, amore e fantasia:)